L’Urlo dei Balcani #6

In questo Urlo dei Balcani Abbiamo parlato delle violenze della polizia Croata nei confronti dei migranti rimasta tutt’ora impunita e dei problemi con aziende Turche per la costruzione delle autostrade; Albania e i media ancora in quarantena e sviluppi sui diritti lgbt; Tensioni tra Grecia e Turchia per le risorse del Mediterraneo, Migranti lasciati alla deriva e la petizione per il rilascio del giornalista curdo Nedim Türfent incarcerato ingiustamente;Violazioni digitali da parte di politici e stati sui cittadini del sud est Europa durante la pandemia.

Continue reading

Diretta speciale del 03/05/2020

Puntatona domenicale su radio Wombat! Oggi un sacco di argomenti: dalla Tav Fiorentina alle carceri turche, dallo sciopero dei Riders alle lotte zapatiste; e poi ancora: Firenze Solidale, Festival di Letteratura Sociale, Casa Rossa Occupata, nuove radio autogestite, medici albanesi, extraterrestri, Kim Jong-Un e tanto altro!

Un sacco di canzonacce e, per finire, sorpresona: il teatro alla radio!

Diretta speciale 05/04/2020

Direttona ricca e lunga oggi su Radio Wombat. Gireremo per il mondo a vedere cosa succede in Rojava, in Turchia, in Portogallo, in Tunisia, e poi in Italia a Bologna e nella nostra Firenze. Toccheremo i soliti temi di attualità legati al Coronavirus e approfondimenti sulla situazione in Siria del Nord, sulle battaglie contro gli affitti, sui problemi dei senza-dimora. Parleremo con la Mezzaluna Curda, RiseUp4Rojava, Asia-USB, Link, Sarah Gainsfort, Insider, Fuoribinario. E sì, siccome ci mancavano, spazio anche ai vecchi Diaframma.

A Lorenzo, Orso, Tekosher, un anno dopo.

Era il 18 marzo 2019 quando la notizia della morte di Orso, Tekosher, rimbalzava da un telefono all’altro lasciandoci tutt* senza fiato, un pugno allo stomaco così forte che ancora oggi non riusciamo a parlare senza che la voce si spezzi. Lorenzo, amico, compagno, fratello, figlio, partigiano, partito da Rifredi per cercare la sua strada verso e per un mondo migliore, al fianco degli oppressi che non si arrendono, morto con il sorriso sulle labbra indicando una direzione a tutti noi.

“Anche quando tutto sembra perduto, e i mali che affliggono l’uomo e la terra sembrano insormontabili, cercate di trovare la forza, di infonderla nei vostri compagni.
È proprio nei momenti più bui che la vostra luce serve.
E ricordate sempre che ‘ogni tempesta comincia con una singola goccia’. Cercate di essere voi quella goccia.

Vi amo tutti spero farete tesoro di queste parole. Serkeftin!
Orso,
Tekoser,
Lorenzo”

Un ringraziamento particolare a chi ha contribuito a questo speciale inviandoci pensieri, testimonianze, ricordi, a tutt* le persone che hanno condiviso con noi le emozioni nel rivivere la memoria, un forte e caloroso abbraccio alla famiglia e naturalmente a Lorenzo, Orso, Tekosher, partigiano di Rifredi.

Sehid Tekosher

Quì tutti i contributi passati durante la diretta:

Alessandro Orsetti: Le parole di Orso poco prima di morire: Intervento dell’occupazione Corsica 81: Intervento di Davide Grasso, internazionalista: Intervento di Eddy Marcucci, internazionalista: Intervento della comunità kurda Toscana: Intervento di Gabar, internazionalista: Interventi di Jacopo Bindi, internazionalista: Poesia da un amico: Intervento di NUDM Firenze: Le parole di un amico: Intervento del coordinamento toscano per il Kurdistan: Intervento della Rete Jin: Ancora contributi da un amico:

Canzodi dedicate:

Simone Grippo – Heval Tekosher

Billie Holiday – Guilty

Efrin yeni şarkısı çok çok guzel

Koma Nergiza Botan Şervan Azadiye

Tîna Çiya

OneMic-Pioggia

QUI – Vasco Brondi – Le luci della centrale elettrica – TERRA

Pic by Irina Zovich

 

La traPunta #12

Eventi in città 17/2 – 23/2 da lapunta.org

  • Areoporto di firenze: Nardella guarda le carte e si mangia le mani. Le parole dell’avvocato Giovannelli.
  • Cattivi maestri V° ciclo, l’inverno tribale(https://lapunta.org/event/427): critica delle scienze della salute con l’etnopsichiatra, Salvatore Inglese. Ne parliamo con Massimi Sistemi.
  • Boicotta la guerra Boicotta la Turchia (https://lapunta.org/event/438): presentazione dell’opuscolo per il boicottaggio lanciato da Riseup4rojava.
  • Intervista a Natalia, sindacalista brasliana, sulla situazione in amazzonia, con collettivo SUM, studenti uniti Michelangelo.

Alta tensione alle elezioni amministrative in Turchia


Domenica 31 Marzo 2019 si sono svolte, in una Turchia fortemente militarizzata, le elezioni amministrative: I risultati degli spogli confermano una perdita di consenso del premaier Tayip Erdogan, che dura ormai dal 2013, a favore delle forze di opposizione. L’AKP si conferma prima forza del paese e la coalizione con il partito nazionalista e xenofobo MHP riscuote la maggioranza dei voti perdendo però importanti città quali Ankara, Smirne, Antalya, Adana e Mersin oltre a molti territori del sud-est a maggioranza kurda che saranno amministrati dalla coalizione di sinistra kurda e turca del Partito Democratico dei popoli (HDP) e del centrosinistra CHP. Non sono mancate situazioni di dubbia regolarità, il voto si è svolto in seggi presidiati da militari e forze speciali, migliaia di militari sono invece stati spostati per poter votare in circoscrizioni dove il consenso dell’AKP risultava particolarmente basso. Ne parliamo con due compagn* attualmente in Turchia che hanno assistito al voto quali osservatori internazionali.

Fuoco alle Polveri #81

 

Ottantunesima puntata di Fuoco alle Polveri. Con noi il Collettivo Krisis per parlare di questioni universitarie e di quello che si muove in città.
Abbiamo sparlato dei macachi giapponesi e chiesto Olmo di spiegare cosa è la Rete SET (Rete Sud Europa di fronte alla Turistificazione) e di come si muoverà nei prossimi mesi. Con Omlo e Xena abbiamo anche approfondito le ultime notizie provenienti dal Kurdistan e dalla Turchia, in vista della due giorni di solidarietà verso i combattenti curdi e gli internazionali indagati.

Tanti wombat a tutt*

Scaletta