Buongiorno Palestina 33

 

 

 

 

 

 

     Buongiorno Palestina ! 

  • Rassegna stampa della settimana
  • Gaza: “assassinare bambini per divertimento”
  • “Quarantadue ginocchia in un giorno a Gaza”: parlano i cecchini israeliani

https://www.openpetition.de/petition/online/obiezione-contro-limposizione-di-norme-linguistiche-alle-universita

Buongiorno Palestina 32

Buongiorno Palestina !

Intervento di Fausto Gianelli, avvocato di Giuristi Democratici sul tema: Israele e la Palestina: “Stato etnico e colonialismo nell’epoca della post-verità“, alla conferenza tenutasi al Teatro dei Fabbri di Trieste il 28 novembre scorso intitolata: “L’assenza della Palestina nei media: cause, ipotesi, soluzioni”.

Buongiorno Palestina 28

Firenze per la Palestina
invito a partecipare al presidio
“No al Piano Trump! La Palestina non è in vendita”
sabato 15 febbraio 2020
       ore 16.30
P.zza Strozzi – Firenze

AssopacePalestina-Firenze- COSPE-CPA-Casa della Pace-Cantiere Camillo CienFuegos  –

Chiediamo : 
  •  il rispetto dei principi del diritto internazionale e l’applicazione delle innumerevoli Risoluzioni dell’Onu che condannano le politiche di oppressione di Israele;
  • la fine dell’occupazione sionista di tutta la Palestina, con Gerusalemme capitale;
  • l’applicazione dell’inalienabile diritto, collettivo e individuale, dei profughi palestinesi al ritorno alla propria terra, contro ogni soluzione politica che contempli la liquidazione di tale diritto, e il risarcimento per i danni subiti;
  • la fine dell’embargo imposto contro il popolo palestinese nella Striscia di Gaza;
  • il diritto del popolo palestinese all’autodeterminazione;
  • la libertà di tutti i prigionieri e le prigioniere palestinesi nelle carceri israeliane;
  • il boicottaggio e l’isolamento di Israele, contro il processo di normalizzazione politica e culturale da parte di istituzioni e stati, arabi e non;
  • la fine degli accordi di cooperazione militare e dei rapporti economici e di scambio tra Italia e Israele, in osservanza degli accordi internazionali e delle regole UE che vietano il sostegno economico e militare in caso di violazioni dei diritti umani e del diritto internazionale.